Un weekend a Siviglia

Siviglia, la “mia città del sole”. E’ la città delle tapas, del flamenco, della corrida e delle feste è proprio la vera e caliente Spagna! Una delle città più belle, affascinanti dell’Andalusia. E sapete cos’è la cosa che  mi è piaciuta di più? Che è una città che si può girare quasi completamente a piedi, in un weekend non ho mai preso un mezzo pubblico!

Cosa vedere a Siviglia in un weekend? Ecco i miei consigli:

  • La Cattedrale di Siviglia: imponente, un collage di epoche storiche. Costruita in seguito alla riconquista Cristiana (tra il 1402 e il 1506). Segue diversi stili, cominciando dalla Giralda originariamente un minareto trasformato poi in campanile, il cortile in stile musulmano e l’interno della Cattedrale in stile gotico-rinascimentale. Il tutto è strutturato come una basilica ma il suo perimetro segue quello tipico delle moschee arabe. All’interno della Cattedrale si trova la tomba di Cristoforo Colombo. E’ la più grande cattedrale gotica ed il terzo edificio religioso per dimensione al mondo.

cattedrale siviglia

interno cattedrale siviglia

  • La Giralda: simbolo si Siviglia. Fu costruita nel 1184 dagli arabi. La torre era il minareto della moschea da dove venivano chiamati alla preghiera i fedeli mussulmani. La moschea poi su distrutta e sulle sue macerie fu costruita la Cattedrale. In cima, alta 70 metri, guarda la città una colossale statua rappresentate la Fede, ci si può salire por godere di una vista mozzafiato. Si sale tramite 34 rampe circolari e non ci sono le scale, sapete il perché? Questo sistema era molto più comodo dei gradini e consentiva ai Muezzin di arrivare in cima in sella al loro cavallo, senza fare troppa fatica.

giralda monumeti siviglia spagna

  • Real Alcazar: il Palazzo Reale. Uno dei posti che non si può non visitare. E’ un luogo che ha visto passare tantissime culture che hanno modificato la città, lasciando in ogni dove la loro impronta. Il suo giardino ha qualcosa di mistico, se chiudete gli occhi vi sembra di viaggiare nel tempo, vi sembra di vivere in un epoca diverta. Tutto è molto curato, colorato, ordinato. E’ uno dei palazzi più antichi al mondo, ma non si può visitarlo completamente, certe stanze sono segrete ancora ad oggi in uso dal Re.

reales alcazares siviglia

  • Metropol Parasol: uno dei simboli più nuovi di Siviglia. Girate l’angolo di Plaza de la Encarnacion, alzate gli occhi e troverete un’opera avveniristica che vi lascerà senza fiato, terminata nel 2011. E’ un opera, strutturata su 5 livelli, dell’architetto Jurgen Mayer. E’ un reticolo in legno, più grande al mondo, falla forma astratta, un lungo percorso di curve e ondulazioni. Per salirci c’è l’ascensore al piano terra.

metropol parasol. siviglia

  • Plaza de Toros: la più antica di tutta la Spagna. Può contenere fino a 12.000 persone ed è il luogo dove si svolge annualmente la Feria de Abril (una delle feste popolari di Siviglia) con uno dei festival di corride più famoso al mondo. Potete ammirarla e visitare anche il suo interessante museo che vi racconta la storia delle Corride.

Plaza de Toros

  • Plaza de Espana: non si può andare a Siviglia e non passare qualche ora in questo complesso architettonico spettacolare. Una piazza suggestiva, imponente, ordinata colorata. Edificata nel 1929 in occasione dell’Esposizione iberoamericana. Le panchine sono decorate con ceramiche e maioliche che rappresentano le 54 province spagnole. E’ un incrocio tra un palazzo reale e una miniatura di Venezia, a ferro di cavallo, con due torri alle estremità. La piazza è percorsa da un canale navigabile e al centro si trova un imponente fontana. Una chicca sono le panchine decorate con ceramiche e maioliche rappresentati le province spagnole.

plaza de espana, siviglia, andalusia

Per salutare Siviglia prima della vostra partenza, non può mancare la Crociera sul Fiume Guadalquivir per ammirare la città da un punto di vista diverso. Un consiglio, fatela al tramonto lo scenario sarà ancor più suggestivo.

tramonto siviglia

Tanti mi chiedono dove dormire viste le numerose proposte di alloggio.  Lasciate perdere le grandi catene alberghiere, che non hanno nulla di caratteristico, io vi consiglio di dormire in questo hotel-posada: la Posada del Lucero situata in un monumento nazionale risalente al XVI secolo. Sorge in pieno centro storico (300 metri dalla Piazza de Encarnaciòn, 800 metri dalla Cattedrale di Siviglia). E’ un hotel molto elegante, raffinato, pulito con il personale gentilissimo. La colazione è qualcosa di spettacolare! (Per arrivarci dall’aeroporto che dista solo 10 km prendete un taxi, veloce ed affidabile, vi fermerà proprio davanti l’ingresso dell’hotel).

E’ una città per tutti! Romantica, pratica, divertente, caliente, ordinata. C’è molto da visitare, ci potete andare con chiunque e in qualunque periodo dell’anno il sole vi regalerà dei colori stupendi (ogni tanto scende qualche goccia di pioggia ma il tempo di un aperitivo e il sole torna a splendere).

“Siviglia, lascia una sensazione strana, quella di non voler più tornare a casa.”

Tapas de Seville

Tapas de Seville

Flamenco

Flamenco

Ciao Elena

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *