Volevo scrivere un articolo per consigliarvi qualche destinazione ideale dove trascorrere un weekend fuori porta a Pasqua e in primavera. Poi, navigando un po’ sul web, ho trovato tanti articoli che già parlavano dello stesso argomento, quindi ho deciso di scrivere di un posto unico come la sua gente: il Friuli Venezia Giulia! 

Io puntic

Voglio portarvi da me, non a casa mia perché non ho posto per tutti, e a Pasqua sono già in overbooking :) ma voglio invitarvi nelle mie zone, dove sono cresciuta e delle quali conosco ogni angolo. Iniziate a preparare la valigia perché vi svelo alcuni tesori che si trovano dentro uno scrigno magico che è la mia regione.

Per chi ancora non lo sapesse, il Friuli Venezia Giulia ha vinto il premio Best in Travel 2016 di Lonely Planet, come miglior regione da visitare nel mondo. Miglior regione del mondo da visitare nel 2016! Lo ripeto perché faccio fatica a credere che qualcuno si sia accorto delle bellezze del Friuli!

In realtà Lonely Planet ha premiato la zona collinare del Collio, da dove provengono la gran parte dei vini più buoni e pregiati d’Italia. Questa zona, che si trova al confine Est con la Slovenia, è un susseguirsi di colline coltivate a vigneti, agriturismi, cantine e ristoranti tipici. È chiaro che il Collio dovrà essere una tappa d’obbligo nel vostro itinerario in Friuli.

Vigneti Friuli

La mia regione è un concentrato d’Italia: mare, montagna, collina, ottimo cibo, arte e storia. C’è proprio tutto.

Quello che voglio proporvi è un itinerario on the road tra le strade del Friuli Venezia Giulia, in auto, in moto o in bici che vi permetterà in pochi giorni di visitare tantissimi luoghi diversi tra loro, dal mare alla montagna, dalla collina alla pianura. Il tutto spendendo poco, mangiando bene, respirando aria pulita, in mezzo alla natura, senza traffico e percorrendo strade perfette (lo dico perché ho vissuto due anni a Roma dove le strade sono un vero disastro).

I più sportivi saranno felici di sapere che la regione è ricca di opportunità: piste ciclabili che partono dalle montagne ed arrivano alle zone di mare, sentieri da percorrere sia a piedi sia in mountain-bike, palestre di roccia immerse nella natura più incontaminata da fare invidia a molte altre località più turistiche. La regione è famosa anche tra gli appassionati di deltaplano e parapendio. Infatti, nel 2019 verranno organizzai i campionati mondiali di Deltaplano proprio in Friuli Venezia Giulia.

Pensate che con meno di un’ora di macchina da casa mia posso raggiungere le piste da sci di Piancavallo e il mare di Lignano Sabbiadoro. Se mi allontano un po’ verso sud arrivo ad Aquileia, a Grado e a Trieste. Se invece vado verso nord incontro Udine, Tarvisio e le montagne della Carnia.

Siamo conosciuti nel mondo per il prosciutto di San Daniele, lo speck di Sauris, per i vini bianchi, per la scuola mosaicisti del Friuli di Spilimbergo e per le coltellerie di Maniago che producono eccellenze italiane esportate in tutto il mondo e che ci rendono orgogliosi di essere italiani e soprattutto friulani.

Sauris
Sauris

scuola mosaicisti del friuli

Io e Laura di iviaggidiserendipity in visita alla Scuola Mosaicisti del Friuli

In Friuli Venezia Giulia si trovano 10 borghi annoverati tra i più belli d’Italia che, anche solo per questo titolo, meritano una visita: Cordovado, Sesto al Reghena, Fagagna, Gradisca D’Isonzo, Valvasone, Polcenigo, Clauiano, Pofabbro, Venzone  e Toppo di Travesio (il mio paesello).

Castello di Toppo, Travesio. Uno dei Borghi più belli d'Italia
Castello di Toppo, Travesio. Uno dei Borghi più belli d’Italia

E come se non bastasse, in Friuli abbiamo le Dolomiti, patrimonio dell’Unesco, splendide grotte naturali che si possono visitare ed esplorare, laghi di montagna incantevoli dai colori unici. Chiese, Castelli, Santuari, Ville, città medioevali fortificate, fori romani e una città che ha una una forma di stella a 9 punte (Palmanova, vedere su google maps per credere!). Potrete passeggiare per le strade di città e di paesi dove è facile notare lo stile veneziano o austroungarico, pranzare in locali tipici friulani e bere un taj (bicchiere di vino) nelle innumerevoli osterie friulane.

Basilica di Aquileia
Basilica di Aquileia
Monte santo di Lussari
Monte santo di Lussari
Villa Manin
Villa Manin

Se passate per la zona dei Magredi vi imbatterete in un paesaggio quasi lunare, da set cinematografico. In Friuli scorrono torrenti e fiumi sotterranei, ai piedi delle montagne ci sono sorgenti e risorgive e lungo la costa risplendo le spiagge dorate di Lignano, il mare di Grado e la sua laguna ricca di storia, di fauna e di flora.

Laguna di Grado
Laguna di Grado

Nonostante tutto questo, sono sicura che pochi di voi sono stati in vacanza in Friuli, qualcuno forse ci ha fatto il militare e altri sono passati di sfuggita per poi continuare verso la Slovenia e la Croazia, peccato!

Mi piacerebbe consigliare come punto di partenza per il vostro itinerario la mia provincia, quella di Pordenone (“Pordenone? Oh che brutta morte” – citazione del film Benvenuti al Sud) perché centrale e ben collegata con treni e aeroporti (ben due disponibili: Venezia e Treviso). Raggiungere Pordenone non è difficile. Si può arrivare in treno con l’alta velocità Freccia Argento e scendere alla stazione ferroviaria che si trova proprio in centro città. Oppure si può viaggiare in aereo, atterrare all’aeroporto Marco Polo di  Venezia e proseguire in macchina (tempo di percorrenza 45′ minuti, meno che percorrere Fiumicino-Roma centro). Infine se arrivate in auto avete due alternative, l’autostrada A27 o A28. Non ci sono scuse per non venire in Friuli, Pordenone poi è collegata benissimo.

Del magnifico capoluogo friulano, Trieste, per il momento non ne ho parlato, ma lo farò presto. Ritengo che a questa città sia opportuno dedicare un week end intero, così elegante, raffinata e dall’ aria mitteleuropea, merita una particolare attenzione. Questo racconto, infatti, vuole essere solo il primo di una serie di articoli dedicati alla mia regione. Voglio incuriosirvi, farvi vedere qualche immagine e farvi innamorare del mio Friuli.

Ah dimenticavo, in qualsiasi osteria, ristorante e agriturismo mangerete e berrete bene…cibo sostanzioso e ottimo vino vi faranno compagnia nel vostro viaggio in Friuli!

tagliere affettati

Quando venite a trovarmi salutate tutti con “Mandi”, vi aspetto.

Xoxo

Erica

Lignano Sabbiadoro
Lignano Sabbiadoro
Calzetto (Pn)
Clauzetto (Pn)
Le montagne della Carnia
Le montagne della Carnia
Laghi di Fusine
Laghi di Fusine
Lago di Redona
Lago di Redona
Io...a casa!
Io…a casa!

15 Comments

  • Anna Vallerugo
    Posted 15 Marzo 2016 12:08 0Likes

    Poffabro, avete dimenticato di citare Poffabro fra i Borghi più Belli d’Italia (dal 14.09.2002).

    • Erica
      Posted 15 Marzo 2016 12:22 0Likes

      Grazie Anna, ho dimenticato Poffabro (che adoro), Fagagna e Venzone. Sono ben 10 i borghi più belli d’itala nella nostra regione…sistemo subito l’articolo!

  • Lida
    Posted 15 Marzo 2016 19:02 0Likes

    Una parte incantevole d’Italia, posso pubblicare qualche foto?

    • Erica
      Posted 16 Marzo 2016 13:45 0Likes

      Ciao Lida, grazie! Se ti fa piacere puoi condividere l’articolo e pubblicare le foto citando la fonte. Ciao

  • Cristina
    Posted 15 Marzo 2016 21:24 0Likes

    Strassoldo!

    • Erica
      Posted 16 Marzo 2016 13:34 0Likes

      Ciao Cristina, grazie per la precisazione. Ho controllato e Strassoldo non è ancora stato dichiarato uno dei borghi più belli d’Italia ma è in lista e speriamo presto riceva il premio! Il Castello è qualcosa di meraviglioso e proprio questo week end (19-20/marzo) aprirà le porte al pubblico. A presto

  • Tommaso
    Posted 16 Marzo 2016 7:47 0Likes

    Bellissimo articolo, ma vi prego, Trieste e la sua provincia (così come la Bisiacaria) sono altri bellissimi posti, ma Triste “capoluogo friulano” è inesatto, sarebbe meglio modificare con “capoluogo regionale” dato che con gli scenari e i mandi dell’articolo ha poco a che fare :)

    • Erica
      Posted 16 Marzo 2016 13:43 0Likes

      Grazie Tommaso. Hai perfettamente ragione e come ho scritto Trieste e la sua provincia meritano un’attenzione particolare perché la loro storia è unica e con il mandi non hanno veramente niente a che fare! Ma seguimi che sul blog presto parlerò di questa meravigliosa città e della sua provincia. A presto

  • Michele
    Posted 17 Marzo 2016 9:48 0Likes

    Non dimentichiamoci il carso, che per chi come me appassionato e professionista del mondo del cicloturismo e in particolare della mountain bike è qualcosa di molto simile al paradiso. Ricorrendo il centenario della Grande Guerra inoltre visitare posti come il monte Sabotino, il monte San Michele, San Martino del carso ecc. ecc. oltre alla bellezza dei luoghi può diventare anche piacevolmente istruttivo.

    • Erica
      Posted 17 Marzo 2016 12:28 0Likes

      Ciao Michele, certo che non ci dimentichiamo del carso, merita una storia a parte! Come ho scritto la regione è la destinazione ideale per gli sportivi e i percorsi che ci hai consigliato tu sono sicuramente stupendi e imperdibili! Ho visto il sito, proponete escursioni in regione molto interessanti, complimenti!

      • Michele
        Posted 17 Marzo 2016 13:09 0Likes

        Cerchiamo di promuovere lo sport all’aria aperta in Friuli Venezia Giulia, del resto non ci sono molti posti come il FVG dove un turista può alloggiare al mare e in un oretta essere a fare sport in montagna … con tutte le varianti che ci sono nel mezzo … Anche se di parte :-) fare un giro del FVG in bici anche di una settimana pernottando in posti diversi permette di fare una vacanza di mare, collina, montagna con una varietà che è unica.

        • Erica
          Posted 17 Marzo 2016 15:35 0Likes

          Sono d’accordo su tutto…bravi! Anch’io sono di parte :)

Leave a comment

apasseggiodentroilmondo.it © 2020. All Rights Reserved.